CDC I IT I Cantieri aperti - Azioni pratiche come strategia sociale


#1

Threads, debates, contents and projects of the Civic Design Courses about Civic Actions and social building strategies


#2

Ciao a tutti,

ho creato questo forum per condividere le strategie d’azione che porto avanti da Settembre 2016 qui in Sicilia (ma non solo) con il collettivo TODO, un gruppo ancora informale composto da architetti, artigiani e sognatori. Attraverso la progettazione partecipata di micro-architetture a base di materiali naturali e di recupero, supportiamo azioni di autocostruzione e rigenerazione dello spazio urbano. Prediligiamo processi inclusivi in cui convivono formazione, benessere, socialità e condivisione.

Il modello di “azione TODO” si basa sul format del cantiere aperto, che coinvolge le aziende locali, le associazioni e le competenze specifiche di un determinato territorio e nel quale prendono parte anche i cittadini e le categorie più deboli e silenziose della società (migranti e bambini in primis), poiché il cantiere è gestito per essere sempre un luogo sicuro e nel quale fare esperienza. La necessità attuale di generare senso civico (appartenenza) e capacità lavorative (occupazione) trova terreno fertile nel dibattito sullo spazio collettivo e sulla città pubblica come risorsa potenziale per attivare pratiche progettuali, processuali e integrative, capaci di migliorare la qualità urbana e le condizioni di vita di molti. Il collettivo TODO si presenta quindi come gruppo di professionisti in grado di gestire in sinergia progettazione, costruzione e formazione e capaci di rendere fisici quei processi rigenerativi per la sostenibilità urbana di cui si fanno promotrici molte associazioni. La nostra forza è quella di poterci avvalere di una solida rete di relazioni, sul territorio siciliano ma anche europeo, e di maturare esperienze sul campo ampliando ogni volta la rete stessa e il raggio d’azione.

FORMAT/FASI DEL CANTIERE APERTO
. ascolto attivo
. coinvolgimento/inclusione
. workshop/azione partecipata
. incremento sostenibilità/formazione/condivisione

PROBLEMATICHE
Il problema più grande da affrontare, per noi come per altri gruppi che operano nel sociale, è quello dell’identità professionale e della sostenibilità economica dei progetti che portiamo avanti. Sarebbe quindi interessante, invece di sviluppare il testo in forma autoreferenziale, rendere più ampia la definizione di cantiere aperto e includere altri esempi che dimostrino la necessità di considerare le azioni pratiche (workshop, laboratori, cantieri aperti, ecc) come attività fondamentali per la (ri)generazione di senso civico (appartenenza) e occupazione (capacità professionali).

Di seguito il doc su drive, che ha già una struttura più generica e si presta ad essere integrata con le vostre esperienze! Fatevi avanti :slight_smile: